Come scegliere un materasso.

blog_1


Ogni persona ha delle proprie caratteristiche fisiche, che lo rendono in effetti un soggetto unico.
Realizzare un materasso che sia ottimale per ognuno resta una semplice utopia. La realtà è fatta di una gamma di modelli, diversi tra di loro per caratteristiche e contenuti tecnici, tra i quali scegliere quello più adatto alle proprie esigenze.
Il materasso deve sostenere il corpo in una posizione neutra, quella in cui la colonna vertebrale mantiene la curvatura naturale e le parti sulle quali grava la maggiore pressione, come natiche, caviglie, spalle e testa, sono sostenute in un allineamento corretto.
Un materasso particolarmente rigido, solleciterà troppo questi punti di pressione e farà sì che il corpo assuma una posizione non corretta. Al contrario, se è troppo morbido, il corpo non riceverà il supporto più adeguato.
In entrambi i casi è probabile che al risveglio ci si senta stanchi e non riposati. Se al risveglio la mattina si avverte un po’ di mal di schiena, che passa in 15 – 30 minuti, significa che si sta dormendo su un materasso non appropriato.
Per questo motivo è bene scegliere un materasso ergonomico, in grado di adattarsi alle curve del corpo.

La vita media di un materasso.

La vita media di un materasso di buona qualità è di 8/10 anni circa, ma ci sono una serie di varianti che dobbiamo per forza analizzare e non possono essere standardizzate perché fanno parte della nostra conformazione fisica.
Siamo abbondanti di peso?
Siamo più alti della media?
Sudiamo più del normale?
Abbiamo perso notevolmente peso?
Abbiamo problemi di schiena?
Abbiamo problemi circolatori?

Sono solo alcuni spunti di riflessione che dovrebbero farci capire lo stato di 'usura del nostro materasso e potrebbe servire un cambio.

Occorre prestare attenzione al fatto che la garanzia non rappresenta la durata del prodotto, se così fosse le nostra auto andrebbero rottamate dopo due anni. Quindi il fatto che iniziamo a dormire male dovrebbe essere il segnale di cui tener conto, a prescindere dalla garanzia.
Non è un problema qualitativo, ma è un'esigenza del singolo utilizzatore.
Del resto se ci pensiamo molti usano le scarpe e le "rovinano" in poco tempo, altri riescono ad usare le scarpe senza deformarle per anni.
È una questione fisica.
Un materasso utilizzato per 8/10 anni, se analizzato al microscopio, presenta una quantità incredibile di microorganismi (si parla di 2 milioni di acari e di escrementi), ma questo dato è ancora più allarmante se pensiamo che ad occhio nudo il materasso potrebbe apparire perfetto "quasi nuovo".

Dopo 7/8 anni ci sono dentro al nostro materasso più di 200 grammi di polveri sotto forma di parti organiche ed inorganiche, anche se seguiamo i consigli per una corretta manutenzione, quindi arieggiare il materasso ogni giorno per 15/20 minuti, cercare di lavare le fodere spesso, girarlo in base alla stagione, questi aspetti igienici non cambiano di molto perché il nostro corpo di notte espelle sudore, pelle, forfora, parti grasse che non sono standardizzate, ma sono del singolo individuo.

© 2019 MP | Privacy Policy | Cookie Policy | Contattaci